lunedì 31 gennaio 2011

Racconto nr.3

3. La sacra funt


C stev na vot nu marit e na muglier: lu marit iev nu fatgator straurdnarj, ma la muglier sfat’ at rcev ca stev semb malat e for nn g putev ij. Nu iuorn arriv a lu paes nu mier’c nuov e quiddu pover crstian subt lu ij a chiamà. Cum lu mier’c arruaj a la cas che vagghia ric che fest c facij la mugliera a lu mier’c. Tutt li iuorn lu mier’c la iev a fa vis’t e accussì nanzenga a la vot s ni ier’n r cap! mo cum avevna fà? E allora lu mier’c riss: “Mannaml a la Franc a marit’t a piglià l’acqua a la sacra funt e accussì nn torn cchiù”. Ma lor nzevn accort ca sott a la funest c stev lu cumbar c’aveva sntut tutt cos e accussì ij ra lu povr cumbar e c riss tutt lu fatt e p sent tutt lu cunt, s facij mett rind a nu sacc. Accussì lu cumbar ij ra la cummar e c’addummaij s puteva lassà nu poc la sacchett cu ru gran. La cummar riss r si e allor lu cumbar riss: “Cummà e lu cumbar andò stà?” e la cummar rspunnij cantann: “Mio marito è andato in Francia, a piglià l’acqua a la sacra funt, e chi mai ritorna cchiù, e chi mai ritorna cchiù? Nrlinì e nrlinà, nrlinì e nrlinà”. E allora lu cumbar rspunnij: “Tu che staij rind a lu sacc e faij lu mup, lu ciec e lu matt e chi mai ritorna cchiù e chi mai ritorna cchiù? Nrlinì e nrlinà, nrlinì e nrlinà”. Lu marit avev sntut tutt e rspunnij: “T nagghj prummiss tre e mo t n rong quatt e vienm sciuogl’ ra nda stu sacc’ e vienm sciuogl’ ra nda stu sacc, nrlinì e nrlinà, nrlinì e nrlinà”. Accussì, ascij’ lu marit ra rind a la sacchett e cu na mazz taccriaj a lu mier’c e a la muglier e li cacciaj ra la cas.

La sacra fonte

(Il narratore in questo racconto parla di una fonte sacra che si trova in Francia: si riferisce sicuramente alla fonte di Lourdes, ciò ci fa capire come evidentemente anche i nostri antenati fossero a conoscenza della fonte miracolosa).

Vivevano a Panni una giovane coppia: il marito era un grande lavoratore mentre la moglie scansafatiche per non seguirlo nel lavoro diceva sempre di non sentirsi bene. Un giorno arriva a Panni il nuovo medico e il povero marito immediatamente lo chiama per far visitare la moglie malata. Arrivati a casa, la moglie accoglie il dottore con gran gioia e così giorno dopo giorno i due si innamorano e per non essere più disturbati decidono di mandare il marito in Francia a prendere l’acqua ad una sacra fonte perché solo quell’acqua poteva guarire la poverina. Ma intanto l’inganno viene scoperto perché un compare aveva ascoltato tutto; egli fa nascondere lo sventurato marito in un sacco e così scopre tutto ciò che era congiurato contro di lui.

...ogni riferimento a cose o a persone,specialmente in casi del genere,è puramente casuale.
il direttore

sabato 29 gennaio 2011

Racconto nr. 2

2. Cient pecur

Ci stev na vot a Pann, nu pcural ca tnev cient pecur. Ievn r pecur cchiù bell ca ci stevn: gross, ciott e cu nu mant r lan magnifc! Tutt r femmn r lu paes vulevn la lana ra idd p ffa li matarazz c’avevna rà a r figli ca s’avevna spusà. Nu iuorn lu pcural vulij iij a’nata terr andò l’erva iev cchiù verd e purtaj r pecur. Accussì, cammin cammin arruaj a nu pont e Madonna mij! Lu pont iev tant stritt ca lu pcural aveva vuttà r pecur un a la vot e accussì, prima passaj la cap, po na zamb, po nat e po la tripp, e po nata e n’grazij a Ddiì passaj tutt la pecur……………………………………(il narratore non parla più e dopo un po’ qualcuno dice: “e cumè lu cunt nn lu ric cchiù!” – e il narratore risponde: “aspiett, anna passa tutt r pecur!”).


Cento pecore
Viveva a Panni un pastore il quale aveva cento pecore. Le sue pecore erano le più belle: grandi, grasse e con un mantello di lana meraviglioso! Tutte le donne del paese chiedevano a lui la lana per i materassi da dare alle loro figliole che si dovevano sposare. Un giorno il pastore cambia zona per il pascolo perché aveva notato che al di là del ponte l’erba era più alta e più verde e così decide di portarvi le sue pecore. Così comincia il viaggio e cammina cammina arriva al ponte, ma cosa succede! Il ponte è talmente piccolo e stretto che il povero pastore deve spingere le pecore una per volta e così, prima la testa poi una zampa, poi l’altra, poi la pancia e poi l’altra zampa fa passare la prima pecora…………………(il narratore non parla più e dopo un pò qualcuno dice: “e la favola non la racconti più!” – e il narratore risponde: “aspetta, devono passare tutte le pecore!”).

...ribadiscesi:ogni riferimento a persane o cose è puramente casuale
 
il direttore

venerdì 28 gennaio 2011

La parte seconda delle foto "Panni e la prima neve 2011"

Ecco,cari lettori e compaesani tutti,la seconda parte delle foto di Tonino Mauriello sul tema la prima neve a Panni dell'anno 2011. Il video l'ho preparato io nel modo che riesco a combinarlo e per questo dovete scusarmi qualora non è venuto fuori nel migliore dei modi.
A noi interessano i contenuti e anche le forme,quando possono essere rispettate...tutte.
Buona visione a tutti e...alla prossima.
il direttore

video

giovedì 27 gennaio 2011

6 racconti pannesi

Non so chi e ne come mi furono dati questi 6 racconti pannesi,evidentemente perchè li pubblicassi sul giornale,cosa della quale non ne ho memoria alcuna,so soltanto che il file che li contiene è datato 3 ottobre 2004.Mi sembrano carini come racconti di vita pannese d'altri tempi (???) e così li propongo per ora sul blog e in seguito sul giornale...se me ne ricorderò.

1. Giuann a Sant’Ulij

 
Giuann iev iut for a cogl nu panar r ficur e quand arruaj a la funtan r Sant’Ulij iev calat l’ambroij. S frmaj a la funtan pcchè avev set, ma l’uocchj stevn semb a la vij r lu campsant. Giuann s calav a bev e vrev ca nu crstian r’mbett a jdd facev lu stess. “Maronna mij – riss Giuann – che vuò vev?”, ma quidd nn rspunnev e Giuann nata vot: “Ma che vvuò, r ficur?” – e nisciun rspunnev. “Aggh capit, tu n vuò cchiù assaij!…. Maronn, mang accussì? Tè, t n rac cing, riec… Maronn ma che vvuò ra me? E allor teccut lu panar cu tutt r ficur”!! – E accussì Giuann s n scappaj a la vij r lu paes e arruaj muort a la cas. Quand la mamm lu sntij scuppaj a rir : “Figl mij, ma sì proprij fess! naij vist ca iev l’ambroij toia?”.



Giovanni a Sant’Elia


Giovanni era andato in campagna a cogliere un cesto di fichi e quando al ritorno arriva alla fontana di Sant’Elia era giunto il tramonto. Si ferma a bere alla fontana, con lo sguardo pauroso sempre rivolto al cimitero. Mentre Giovanni si china a bere vede la sua ombra che logicamente fa lo stesso, ma lui ingenuamente non se ne rende conto credendo che fosse qualcuno che voleva fargli del male e allora dice: “Madonna mia, che vuoi bere? – E nessuno risponde e Giovanni impaurito vedendo che l’ombra continua a muoversi – “Ma forse vuoi i fichi? Ho capito, forse ne vuoi di più!…Madonna, nemmeno così? Te ne dò cinque, dieci… madonna, ma che vuoi da me?.. tieni, ti dò il cesto con tutti i fichi”. E così Giovanni scappa verso il paese a gambe levate, arrivando mezzo morto a casa sua. Dopo averlo ascoltato la mamma scoppia a ridere e dice: “Figlio mio, ma sei proprio stupido, non ti sei accorto che era la tua ombra?”

...eventuali riferimenti a cose o a persona è puramente casuale.
il direttore

lunedì 24 gennaio 2011

Ecco il primo video di "Panni con la neve"

Le splendide foto sono state fatte da Tonino e il montaggio in video da me...per quante sono le mie possibilità informatiche ho fatto quanto ho potuto...PER VOI!
Il direttore

video



L'arrivo a Panni

 Ecco le foto dell'arrivo a Panni dei plichi per gli abbonati portati dal solerte Tonino Mauriello.

"Con la pioggia o con la neve,con la nebbia o con il Sol Leone il giornale "Il Castello" deve giungere a Panni ogni tre o quattro mesi in quanto è il simbolo della Pannesità,e la gente pannese,residente e non,lo conferma quale unica luce splendente nel firmamento pannese".
Questo pensiero mi è stato "imposto" di scriverlo e io...obbedisco. 



Ecco il buon Antonio Rucci che provvede alla preparazione dei plichi per la consegna agli abbonati a "Capammont" e a Capabbasce".

Stamattina è partita la spedizione per tutte le destinazioni,un pò di pazienza e arriva a tutti gli abbonati.

Ovviamente Tonino,di buon mattino,mi ha fornito un ulteriore CD con un centinaio di bellissime foto sulla nevicata di sabato scorso a Panni.
Appena pronte,se ci riuscirò, le pubblicherò in foto show come le precedenti.

Mi scrive:
Carissimo Pietro:  Ogni volta che apro il sito del Castello trovo sempre una bella sorpresa.  Oggi mi sono molto emozionato nel vedere le bellissime fotografie di Tonino Mauriello.  Grazie a Tonino per averle prese e a te per averci dato questo apprezziatissimo regalo.  Con affetto, Tony. (Tony Colannino dagli USA)
____________________
Caro Tony,ti rispondo quì dove tutti leggono e,volendo,possono esprimere il loro parere e il loro pensiero liberamente.
Se qualcuno mi avesse detto che alla vecchiaia mi sarei trovato in queste circostanze,direttore di un giornale e di un sito web per Panni,gli avrei riso sul naso ma..."sai quand cum nasce ma nu sai quand e cum muore..." il nostro detto pannese è sempre valido,per me e per tutti. Fino a quando voi ne avrete gradimento e io la forza lo farò...per te e per tutti i compaesani sparsi in tutto il mondo affinchè non si sentano soli ed abbandonati in terra straniera ma che sono sempre nel cuore della loro amata terra natia e nei compaesani che ancora oggi la abitano.
Un caro saluto a te e alla tua bella famiglia.

domenica 23 gennaio 2011

Ecco un centinaio di foto inviate da Tonino

Queste 100 foto le avevo avute da Tonino già da qualche giorno,ora,dopo un montaggio musicale,ne ho fatto fotoshow per la delizia dei tanti lettori e visitatori pannesi. Godetevi le immagini e ringraziamo il comune amico Tonino Mauriello in attesa di ricevere le foto sulla neve caduta ieri e oggi a Panni.
Il direttore


video
BUONA VISIONE

Il giornale e il calendario sono a Panni

Il giornale e il calendario 2011 da ieri sera è giunto a Panni ed è in distribuzione agli abbonati presso il Bar Rucci alla Taverna,nonostante una nevicata che ha lasciato circa 20 cm di neve.
Consentitemi di esprimere la mia gratitudine a quei pannesi che,con spirito di sacrificio personale,si mettono a disposizione,sempre e con qualsiasi mezzo e maniera,anche in situazioni climatiche avverse come ieri,pur di adempiere ad un servizio sociale che ritengono essenziale per il paese come la diffusione del giornale ai cittadini,il primo è senza dubbio l'amico Tonino Mauriello il quale ieri mattina ha caricato sia il giornale che il calendario preparati dal personale della tipografia di Foggia,vista la mia impossibilità personale,e li ha portati a Panni al Bar Rucci dove,insieme all'ottimo collaboratore alle vendite Elio,constatarono mancanti i plichi diretti agli abbonati locali.Il pomeriggio di ieri 22 gennaio sempre il solerte Tonino è ritornato a Foggia e ha caricato i plichi mancanti e,a tarda sera con la tormenta di neve in corso,li ha portati al Bar Rucci a Panni.
"Il Castello" Il Giornale dei Pannesi non si ferma mai...nonostante tutto.
Questa è il simbolo che hanno voluto mettere in evidenza ieri alla foto scattata nel momento del trasporto dei plichi al Bar dal nostro Tonino,che sarà pubblicata a breve insieme alle tante altre che Tonino mi fornirà in occasione della nevicata di ieri.
Di fronte a tutto questo e al significato che ne deriva non posso che esserne felice e compiaciuto per il consenso e la fattiva-attiva collaborazione da parte della gente Pannese.
GRAZIE!
Domani partirà la spedizione per tutte le altre destinazioni.
Il direttore

giovedì 20 gennaio 2011

Che l'Italia si stia svegliando?


Consigliato da un amico,il dr. Alfonso Lapolla da Prato,ho preso visione di uno spazio web intitolato "Libertà e Giustizia" dove gli illustri Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti

hanno avviato un movimento nazionale d'opinioni avverso la non più sostenibilità del Cav. Berlusconi quale Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana perchè: "
In nessun altro paese democratico un Primo ministro, indagato per così gravi capi di accusa, rimarrebbe in carica. Tutti i cittadini italiani, di qualsiasi credo politico, devono essere consapevoli che l’immagine del loro paese sarà profondamente danneggiata se Berlusconi rimarrà al suo posto".


In pochissimo tempo le adesioni e le firme raccolte sono intorno alle 16.000  unità,con gioia ho dato la mia adesione e firma lasciando questo commento: "finalmente le coscienze degli italiani cominciano a non sopportare più un simile degrado e cominciano a muoversi.Io sono pronto da…sempre".


Gustavo Zagrebelsky, Paul Ginsborg e Sandra Bonsanti sono illustri professori e non politici,l'appello lo hanno lanciato in tre lingue diverse a significare che la partecipazione a questo movimento non è soltanto italiana bensì internazionale significando così che lo sconcio politico disturba anche gli altri Paesi democratici europei.

E tu,caro lettore-elettore italiano,che fai? Ci vai a guardare sto link di LIBERTA' E GIUSTIZIA e,magari,dai la tua adesione e la tua firma oppure in questo sconcio ci vuoi restare?

A te la scelta...ad ognuno la sua secondo la sua coscienza.

Il direttore

N.d.R. alle ore 15,11 del 21.01.2011 le firme raccolte sono 47.419.
Nella giornata di ieri questo post è stato letto da 240 visitatori,togliendone un centinaio perchè residenti all'estero ne restano più di cento italiani,sono curioso di sapere quanti di essi,dopo aver letto,hanno provveduto a firmare l'appello,la qualcosa mi dicono sia possibile ottenere per coloro che hanno aperto quel sito cliccando direttamente da questo blog.Appena in grado di farlo provvederò a pubblicare i dati...per pura e semplice curiosità,mia e,ne sono certo,dei tanti lettori-firmatari.
 Il direttore

Comunicazione di...servizio.

Il post precedente è stato passato e condiviso su Facebook...senza intoppi vari.
Bene così!

Il direttore

ADDIO LUCA! L'ITALIA TI SALUTA.

Un altro olocaustro a nome della "Pace",un altro giovane,marito e padre felice,ha dato il massimo che un uomo può dare di se stesso: la sua vita!
LUCA SANNA è caduto ucciso in Afganistan da un ...ribelle...così li chiamano coloro che ritengono la spietata guerra quale "missione di pace",neanche davanti alla nuda e cruda realtà di 36 vittime di questa assurda "pace",riescono a correggere o quantomeno a cominciare a porre rimedio a questa situazione che definirla paradossale è poca cosa. Oggi, e domani ancor più,al fine di distogliere l'opinione pubblica da questi eccidi, i notiziari dei TG di qualsiasi emittente TV italiana,trattano queste notizie non più in prima pagina bensì in 4° o 5° pagina,mentre in 1° e  2°,come nel TG1 delle 13,30 del 18 gennaio u.s.,sono state dedicate alle "Avventure galanti del Cavaliere Berlusconi" e dal caso,si fa per dire, "Misseri"...sui quali mi sono già ampiamente espresso ieri e per tal motivo i "signori di Facebook" mi hanno bloccato la condivisione dei post da questo blog al loro Network ritendendo quel mio post "offensino e osceno" ma questo è un argomento che tratterò a parte...dopo,ora vedremo come andrà quest'altro post e...valuteremo.
La libertà di stampa e di opinioni? O p i n a b i l e !
Il ministro Larussa ha fornito,come sempre,ampie spiegazioni sulla dinamica degli accadimenti che hanno portato al decesso del nostro soldato,con tanta foga e veemenza,come si vede nella foto,la stessa che ha sempre usato sin dai tempi in cui marciava in testa ai cortei giovanili del Movimento Sociale Italiano per protestare contro la cecità e la negligenza dei governanti dell'epoca...oggi le parti si sono invertite ma l'arroganza e la cecità politica è rimasta tale e quale a quella dei suoi tempi giovanili. 
 L'ideologia di un uomo politico odierno poggia dalla parte dove si trova seduto al momento,basta che trovi una poltrona dove accomodarsi e...chi si è visto si è visto. 
"Resteremo in Afganistan fino a quando resterà la forza internazione..." dice Larussa...tanto a lui che gli frega,mica ci deve restare lui a guardarsi le spalle 24 su 24 ore da attacchi ed agguati "ribelli" anche da chi credi sia dalla tua parte,come nel caso del compianto soldato Sanna.
E intanto mentre le forze internazionali combattono a difesa della pace nel mondo,massacrando interi popoli indigeni,gli oceani quotidianamente vengono solcati da navi cisterne che trasportano petrolio alle nazioni che si prodigano a tenere questa pace e,in compenso, la benzina aumenta giorno dopo giorno mentre il costo del petrolio...diminuisce. Misteri del busines.
Luca Sanna è un'altra vittima di questo mostruoso busines,di questo affare internazionale,di questo illecito arricchimento perpretrato e reiterato nel tempo e chissà quanti uomini ancora dovranno essere sacrificati pur di tenere e sostenere questa assurda situazione.
Addio Luca,oggi si compirà la prevista e rituale procedura ufficiale delle tue esequie,tu non far caso se oggi,e soltanto oggi, intorno alla tua bara ci saranno uomini "importanti",domani non ci saranno più,le loro attenzioni saranno rivolte altrove,ma,ti prego di accogliere tutta la nostra affezzione e la nostra afflizzione per il tuo ingrato destino quale giovane forte e vigoroso sacrificato in nome di una "falsa pace",la pace,quella vera, è quella in cui ora ti trovi tu,nella gloria del Signore in Paradiso. 
Di questo ne siamo più che certi.
Il direttore...avvilito ed affranto.  

mercoledì 19 gennaio 2011

Tonino...sempre lui

Tonino Mauriello ci informa che il Comune di Panni ha bandito un Concorso Pubblico per titoli ed esami per la copertura di un posto di istruttore amministrativo a tempo indeterminato part time al 50% Cat. C1 presso l'Ufficio Tecnico Comunale di Panni.
La domanda in carta semplice dovrà essere presentata al Comune di Panni entro le ore 13,00 del 30.01.2011.

Titolo di studio richiesto è il diploma di geometra.

Clicca quì e prendi visione del Bando di Concorso.

Grazie Tonino.

MI CHIEDO...E VI CHIEDO

E' possibile mai che da sei mesi circa il popolo italiano è sottoposto a tortura mediadiatica per due casi che era meglio sottacere a motivo di ritegno e contegno per salvare,almeno quella,la pubblica dignità.
Il caso dell'omicidio di Sara Scazzi che ormai è di competenza e pertinenza della pubblica opinione e non della magistratura ormai avvolta nella ragnatela dei quotidiani capovolgimenti dello scenario criminale di cui la povera Sara fu vittima.
Michele Misseri ancora ed ancora una volta cambia regia alla farsa grottesca e scatena un ulteriore putiferio giudiziario,lui quasi analfabeta riesce a portarsi dietro l'intero collegio giudiziario composto da gente togata che ha il compito precipuo di garantire la giustizia a tutto il popolo Sovrano.
Un Sovrano senza ormai più un regno.
Il secondo caso è quello delle "avventure private del Cavalier Berlusconi" che,pur non essendo analfabeta come il Misseri,riesce,da 16 anni a questa parte,a farsi berleffe della giustizia,i cui magistrati,alla guisa di cani segugi,pur dannandosi l'anima da mane a sera,non riescono nemmeno a farlo sedere al banco degli imputati...checchè facciano o escogitano a tal fine.
Due casi questi che hanno assunto primaria importanza più dell'aumento vertiginoso del debito pubblico,più dell'aumento della disoccupazione giovanile,più dell'aumento della banzina nonostante il ribasso del prezzo del petrolio,più dei sacrifici delle famiglie per arrivare al 20-25 del mese,più di cercare modi e maniere per assicurare governabilità al Paese,più....di ogni altro problema inerente ai bisogni dei cittadini,sempre in crescendo,l'unica cosa che cresce infatti è il bisogno.
Non sarebbe il caso,miei cari lettori ed amici,di fare come nel noto film "Quinto potere",di aprire le finestre della propria casa o i balconi e riempiendo i polmoni di tanta aria al fine di poter urlare a squarciagola:
BASTA...CIAVETE GONFIATO LE...... 

Dite che sarebbe fiato sprecato?Visto come vanno le cose è meglio economizzare anche quello...
IL FIATO.

Il direttore ...
che il fiato lo fa sprecare ad altri...lui scrive e per questo dono è grato a Dio.

lunedì 17 gennaio 2011

PANNI SI RACCONTA

Avete letto,cari compaesani, la raccolta di racconti pannesi "Panni si racconta" pubblicata sul sito web di Montesario?

NO!? E a chi state aspettando?

Anche io mi sono cimentato in un ricordo degli anni'70 a Panni,ma altri nostri compaesani ed amici ne hanno pubblicati di bellisimi,ovviamente trattano di esperienze e ricordi personali vissuti a Panni.

Uno di questi racconti l'ho pubblicato sul numero di gennaio che è alla stampa,ma conto di pubblicare gli altri nei prossimi numeri.

Anche tu voi scrivere un tuo racconto?
Accomodati comodamente e scrivilo,dopo puoi farcelo pervenire come vuoi.

Concorri anche tu a tenere accesa la luce sul nostro piccolo paesello...dai na mano anche tu insieme a noi e dopo,te lo assicuro,ti sentirai meglio.

Il direttore...fiducioso e speranzoso.

venerdì 14 gennaio 2011

dalla Provincia di Foggia

Aperti i termini per la partecipazione ai Tirocini Formativi previsti dall’Avviso Fg 07/ 2010


TIROCINI FORMATIVI


per giovani fino a 34 anni di età


Si segnala che sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n° 194 del 30/12/2010 sono state pubblicate le graduatorie dei progetti ammessi dei soggetti privati e dei soggetti pubblici pervenuti a seguito della pubblicazione dell’Avviso FG/07/2010 sul BURP n.148 del 23 settembre 2010.



A far data dal 31/12/2010 e fino alle ore 12,00 del 19/01/2011 gli aspiranti tirocinanti potranno presentare la propria domanda di partecipazione.

Clicca quì per prenderne visione oppure sotto il titolo del post.
 
Il direttore

giovedì 13 gennaio 2011

Tonino informa

Il nostro Tonino Mauriello ci informa che nella mattinata odierna ha ricevuto una telefonata dalla segreteria dell'Assessorato ai LL.PP. della Regione Puglia in cui gli è stato riferito che per quanto attiene alla richiesta di "somma urgenza" per lavori di completamento di opere pubbliche  in corso d'opera così come già operato per il trascorso anno 2010,ottenendo un finanziamento di ben 45.000 euro per la chiesa al convento,tale richiesta può essere ripetuta per l'anno corrente nelle forme già note.

In sostanza devesi rifare la domanda per la richiesta di finanziamento a firma del Parroco di Panni Padre Antonio Saraceno accompagnandola con una relazione tecnica sullo stato dei lavori e presentarla all'Assessorato ai LL.PP. della Regione Puglia a Bari.

Ovviamente la notizia ci conforta alquanto rassicrandoci sul completamento dei lavori che ancora restano da fare alla chiesa del convento,in quanto la somma di 45.000,00 euro è già disponibile qualora ne dovesse essere finanziata una ulteriore,pari-uguale o superiore d'importo...che ben venga.


Il direttore

domenica 9 gennaio 2011

Mi scrive Tony Colannino dagli USA


Carissimo Pietro:  Spero che le feste natalizie siano state molto belle, specialmente se passate insieme ai figli e ai nipotini.  Oggi abbiamo festeggiato il giorno della Befana, e, come ogni anno, i quattro nipotini mettono in scena un piccolo "play".  Paulina rappresenta la Vecchia e i tre ragazzi rappresentano i tre magi. Il piccolo Michael si diverte a guardarli.  Tentiamo cosi di mantenere le tradizioni.  Speriamo rivederci anche questa estate perché a loro piace molto venire al nostro bellissimo e amatissimo paese.  Con affetto, Tony.
Caro Tony le due foto mi hanno incantato,la prima per il paesaggio incantato natalizio della tua bellissima casa,con tante luci e una candida neve, l'altra per...l'amore che sprizza dal sorriso dei tuoi nipoti.
Se i nostri nipoti verranno a Panni volentieri in futuro vorrà dire che avremo speso bene il nostro tempo su questa Terra e ce ne dobbiamo rallegrare perchè loro sono il "nostro" futuro,per il loro tramite noi non moriremo...MAI!
Abbracciameli tutti e,visto che ti trovi,allarga le braccia e comprendi nel caloroso abbraccio anche tua moglie Maria...le braccia non sono le tue ma mie e di mia moglie Anna per voi.
Che il Signore vi benedica...tutti.

giovedì 6 gennaio 2011

Comunicazione di...servizio.

Da Panni comunicano che la estrazione della Lotteria "Pro Convento" non avrà luogo questa sera durante la serata programmata per la premizione dei Presepi Pannesi,giunta alla VI° edizione,curata dalla Pro Loco di Panni,ma a data da...destinarsi,a causa della scarsità dei fondi raccolti...cosa risaputa e a data da destinarsi in quanto il Parroco P. Antonio vola in Messico presso la pari Congrecazione Vocazionista come quella di Panni e,pertanto,senza P. Antonio il tutto si ferma.
Un altro prete al suo posto?
Certamente...a dire Messa ma non per altri impegni.
Se ne parla a febbraio al rientro del Parroco a Panni.
Il direttore

domenica 2 gennaio 2011

OGGI A PANNI

Finalmente oggi, approfittando della bellissima giornata calda e assolata,ho potuto togliermi il desiderio di farmi una capatina a Panni per...caricare le batterie e riempirmi di energie.Questo è l'effeto che provo quando vado a Panni durante l'anno,fuori da quello agostano,non so perchè ma,per me, è così.
Al bar Rucci alla Taverna mi è stato fatto notare la vendita di biglietti per la "Lotteria Pro Convento" Maria SS. Incoronata del Bosco così come nella foto riportato a lato. Notasi la implorazione benedicente del Parroco di Panni ,a sinistra sotto l'effige della Madonna del Bosco,che dice:
"Un piccolo gesto per finire la Chiesa del Bosco.La Madonna ti benedirà. Padre Antonio".
Ma bene,anzi benissimo,anche se con una sola frase il Parroco P. Antonio è stato presente alla raccolta dei fondi per i lavori di ripristino e rinnovo della chiesa del convento...ne siamo lieti...comunque.
Questa Lotteria,infatti,è stata decisa da una riunione del Comitato Pro Convento al Bosco,di cui,guarda caso sono uno dei 5-6 promotori che il 6 agosto 2007 costituì il comitato stesso e quella fu l'unica riunione a cui ebbi l'onore di partecipare,non perchè non vi abbia voluto partecipare,ma perchè non ho mai avuto neanche notizia di una riunione di detto comitato,figuriamoci poi un invito. All'interrogativo posto da uno dei membri del comitato sul perchè del mancato invito allo scrivente altri autorevoli membri hanno risposto con una...scrollatina di spalle,a significare che la mia presenza non avrebbe aggiunto nulla o tolto niente a quanto si era già deciso di fare.
Va bene anche così...no comment purchè si faccia quanto si deve.
E che si deve ancora fare per la chiesetta al convento?
Acclarato e certificato che la raccolta popolare ha incassato circa 73.000 euro,di cui circa una trentina di mila euro sono stati raccolti dallo scrivente (altro che scrollatina di spalle...ci sarebbe voluta una scossa tellurica dell' 8° grado della scala Mercalli), contabilizzato che il costo totale dei lavori alla chiesetta ammonta a circa 121 mila euro,atteso che,notizia di due-tre giorni fa di Tonino Mauriello,la Regione Puglia ha dato un finanziamento di 50 mila euro allo steso scopo,il conto-costo a fine opera dovrebbe parificarsi,se la matematica non è una opinione (...quasi per tutti) risulta che:
73.000 + 50.000 = 123.000 euro...(sono ragioniere e pertato so quanto fa 7 + 5) e allora sta lotteria andò ciaccocchia?
Qualche elemento non è in sintonia con la matematica:il costo totale dell'opera!
E' l'unico elemento a tutti ignoto in quanto rientra nei "top secret" gestionali dell'opera di cui,come già sappiamo tutti,non avremo mai il piacere di leggerne un resoconto...a Panni dall'anno del Signore 1943,anno della mia nascita,ad oggi non è mai entrata nella mente di chi gestisce i fondi altrui, la cortesia (obbligo-dovere) di resocontare coloro che hanno dato,col cuore e la fede,anche il modo e la maniera di come le stesse loro profferte votive sono state spese.
Tutto quì!Pertanto,cari compaesani,comprate i biglietti della Lotteria per la chiesa al convento e la Madonna vi benedirà.
Non c'è polemica alcuna ma soltanto considerazioni che "cecano" gli occhi di tutti coloro che li tengono aperti e attenti.
Ho comprato due biglietti della lotteria,ovviamente,mai mi sono negato quando a chiedere è la nostra Madonna del Bosco...mai,sono stato,lo sono e lo sarò sempre disponibile per Lei e Lei, soltanto Lei sa chi o coloro che per Lei hanno dato e offerto non soltanto il vil danaro ma anche,se non soprattutto,la loro inconmensurabile Fede e Devozione...il resto è niente.
Il direttore con Fede e Devozione.